Benvenuto su Santuario San Donato in Ripacandida
Cerca
    Offerta alla Chiesa di San Donato         L'intesa ? stata siglata da Padre Vincenzo Coli e don Ferdinando         La Reliquia del corpo di San Francesco         SIGLATO IL GEMELLAGGIO         Accoglienza della Reliquia di San Francesco         GEMELLAGGIO CON ASSISI IL 20 AGOSTO PROSSIMO     

A cura della

Moduli
· Home
· Archivio articoli
· Galleria delle immagini
· Argomenti
· Utenti iscritti

Crediti




Questo sito Ŕ stato allestito sulla piattaforma C.M.S. PhpNuke.
Chiunque, registrandosi, potrÓ proporre articoli, inviare materiali, far parte insomma della comunitÓ di San Donato.
Lo scopo di questa iniziativa Ŕ promuovere la conoscenza e l'interesse per la chiesa di San Donato a Ripacandida e il suo ciclo pittorico.
Si ringrazia la
Pro-loco di Ripacandida,
in particolare l'infaticabile Presidente
Gerardo Cripezzi
e l'amico
ins. Gianni Petrelli.


Il contenuto di queste pagine,
raccolto ed elaborato dal
prof. Nicola Tricarico,
si riferisce ai contributi di coloro che finora si sono direttamente occupati della chiesa di San Donato.
Altro materiale sarÓ man mano inserito.
Siete pregati di segnalare errori o omissioni al Webmaster

 
Gemellaggio con Assisi Gemellaggio di fede e arte
Postato danictric il Lunedý, 09 agosto @ 14:33:45 CEST
_CONTRIBUTEDBY nictric

Tra le note celestiali dell?organo suonato dal maestro Cinzia Sasso e la voce passionale del soprano Alessandra Maltempo la piccola Assisi lucana ? risorta al silenzio secolare lasciando gustare la sua magnificenza in scenari inediti per questo luogo che ho sempre visitato solitario?

Maria Antonietta Musco
Segretario Comunale di Ripacandida


Tra la dolcezza di colori e luci soffuse, piacevolmente sottolineata dalla presenza di anime sensibili e avide di conoscenza, sono iniziati gli scambi di fede e arte tra Ripacandida e la pi? grande e nota patria di Francesco d?Assisi, che pure qui ha lasciato le tracce del suo passaggio, nel significato degli affreschi pregevoli del monastero. Al pi? presto queste due comunit? stringeranno un meraviglioso patto d?amicizia e sar? l?inizio di un?ulteriore crescita per questa comunit? tanto dedita al culto dei santi e con l?orgoglio di aver dato natali ad illustri personaggi di cultura, scienza, fisica, medicina, e ricca di santi noti (San Donatello), o ancora non beatificati (Suor Maria Di Ges? e della S.S. Trinit?).Gli interventi sono stati motivanti e hanno edotto esperti e non di teologia e storia dell?arte, fedeli. Alcuni dettagli degli intervenuti, sono allegati.
Particolari che colpiscono sono nella storia , anche Giustino Fortunato si ? speso sul Santuario che oggi ? monumento nazionale. Il messaggio che esso trasmette ? forte: le opere d?arte come fondamentale strumento della catechesi, perch? oltre ad essere espressione della libert? e sentimenti dell?uomo comunicano la fede attraverso i secoli con documenti che diventano meravigliose testimonianze.
Padre Vincenzo Coli era visibilmente commosso, per quanto abituato ad essere sotto i riflettori?.?perch? ho trovato qui un po? di Francesco, un po? di umanit? autentica? , ci dice, ?la conoscenza di San Francesco d?Assisi ? insostituibile per migliorare il nostro mondo, per sostenere la civilt? dell?amore e anche il Papa ha riconosciuto che attualmente la Chiesa non ha di meglio per presentare l?uomo moderno: la bellezza come motivo straordinario per elevare il cuore dell?uomo, Dio come sommo bene l?uomo e la Natura come teatro dove l?uomo vive nella storia che di Dio ? significazione??
Il nostro giovane Vescovo Mons. Gianfranco Todisco visibilmente preoccupato per la grande responsabilit? che gli viene affidata quale pastore della Diocesi, ha ritenuto necessario sottolineare come questi eventi vadano interpretati nella giusta direzione e quindi si auspica un incremento della fede ripensando alle radici dell?epoca, la fede ha radici profonde in cui questa comunit? ma l?arte non pu? e non deve diventare museo ma veicolo della fede e non possiamo dimenticare che fede e cultura devono essere stimolo per rinfrescare, attraverso gli affreschi che ripercorrono pagine di storia, la nostra fede? Un doveroso ringraziamento ha rivolto alle Suore Francescane che si prendono cure del santuario? ma che sono formidabili educatrici dei bambini e ?delle famiglie, e la loro presenza e il loro umile servizio ? certamente un dono per ogni comunit?.
Espressione di autentica umanit? il saluto del Sindaco di Ripacandida Giuseppe Mastantuono, lui ascoltatore di tutti i bisogni dei suoi cittadini, (il suo discorso) d? il messaggio pi? profondo : l?auspicio che questo monastero abbia lo stesso scopo della Porziuncola di Assisi cui somiglia tantissimo, ?divenendo luogo santo per tutto il popolo lucano, quindi porta di salvezza delle anime? che riconoscono la presenza di Dio nella storia e riconoscono la Sua Misericordia.
Molto caldo il saluto della citt? di Assisi., porto dalla Presidente della Pro-loco.
Interessanti le dissertazioni sulla natura degli affreschi esposte con dovizia di particolari dalle dott.sse Potenza e Silvia Anastasia .
Una regia curata dal moderatore Prof. Nicola Tricarico, che di fatto in questa iniziativa ha ben altri ruoli rispetto a quelli modesti apparsi in serata: ? lui che ha scritto la prima tesi di laurea, trentadue anni fa, sugli affreschi del Santuario, e la sua particolare formazione gli permette di essere veicolo di valori e tra i principali ideatori e promotori dell?iniziativa. Studioso appassionato degli affreschi di San Donato, oltre che docente di storia e filosofia nel Liceo Scientifico di Manfredonia, con particolarissime formazioni (aneliti) di teologia, il prof. Tricarico ha evidenziato il profilo dell?artista orante maestro degli affreschi, Nicola da Novi, e la sua provenienza non da Nova Siri, ma da Novi Velia (in provincia di Salerno).
Il presidente della Pro-loco, Gerardo Cripezzi, ispirato in questo progetto dal connubio fede arte, ha dato prova del suo attivismo e della sua? commozione: ...quasi una missione per lui far risorgere al mondo la perla nascosta del Santuario di Ripacandida?..per farla diventare patrimonio comune con la sua azione di promozione del territorio..
Una lirica dedicata a San Francesco D?Assisi ? stata offerta alla comunione dei presenti dall?autrice Maria Antonietta Musco (vedi allegato), inedita in corso di pubblicazione.


 
Links Correlati
· Inoltre Gemellaggio con Assisi
· News by nictric


Articolo più letto relativo a Gemellaggio con Assisi:
L'intesa ? stata siglata da Padre Vincenzo Coli e don Ferdinando


Article Rating
Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



Opzioni

 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico


Limite
  
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Re: Gemellaggio di fede e arte (Voto: 0)
di Anonymous il Martedý, 11 gennaio @ 13:06:51 CET


[ Rispondi ]



Re: Gemellaggio di fede e arte (Voto: 0)
di Anonymous il Martedý, 11 gennaio @ 13:06:51 CET


[ Rispondi ]


Free counter


Web site engine's code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.111 Secondi